giovedì 19 giugno 2008

Maturano?

Io non volevo credere ai telegiornali, ma una rapidissima navigata in Internet ha confermato che c'è un sacco di gente che, nonostante i controlli e tutto il resto, cerca di passarsi le soluzioni delle seconde prove. Intanto, ho recuperato il testo del secondo problema di matematica. So che è facile fare il grosso e considerarlo banale, ma ho appena scritto il "disegno" della soluzione su un foglio e l'ho appeso sulla porta di casa, così mio fratello si mangerà le mani per non aver ripassato trigonometria.

E, comunque, mi mettono addosso tristezza. Questi professori che si fanno fregare, questi studenti che si mettono in contatto con amici fuori che poi fanno di tutto per aiutarli, i mille siti che si richiamano l'un l'altro in cerca di soluzioni. Bah. Io mi ero divertito come un matto, alla Seconda Prova.

E NON risolvete il problema di matematica come dicono su studentville.it, perché io vi rimbalzerei a occhi chiusi, se usate gli integrali per fare quell'area.

4 commenti:

stefano ha detto...

Ti assicuro che quando sei lì non sempre ti viene l'intuizione giusta...
anche io oggi ho fatto una cavolata per cui mi sarei mangiato le mani:
calcolato con un integrale il volume di due piramidi. il calcolo era giusto, ma lungo. al momento però non riuscivo a dimostrare che fossero due piramidi...
quando si è lucidi e tranquilli si ragiona meglio...

Farfintadiesseresani ha detto...

Io in matematica ero bravino, ma alla maturità (1986, liceo scientifico) usai l'integrale per calcolare l'area risultante dalla differenza tra un quadrato di lato noto e il quarto di cerchio di raggio uguale al lato. Per dire che, a volte, più della logica può l'inquietudine.

Cristian ++ ha detto...

Ciao,
la domanda (ora lecita) è: per il compito di MQ di lunedì (23 giugno) hai usato gli integrali o calcolato (come diceva tu-sai-chi)?
E, a proposito, come è andato l'orale?
Ciao

Cristian

Cassa ha detto...

Quello che ho fatto, l'ho fatto esattamente come Lui ha corretto (sbagliando qualche conto, concesso). Per l'orale, arriva un post